Skip to content

Rendimenti

Molti si chiederanno, ma le criptovalute rendono veramente?

La risposta è, dipende da quale criptovaluta, sicuramente le più importanti e conosciute saranno una garanzia, le altre una splendida sorpresa e alcune forse un flop.

Non possiamo affermare con certezza che la tal criptomoneta renderà il 50% l’altra il 30%, nessuno di noi ha la bacchetta magica o riesce a predire il futuro e in nessun ambito finanziario troverete un esperto che vi dica con certezza ciò che accadrà, se lo fa, sicuramente è un truffatore che spera di spillarvi denaro a vostro rischio oppure non ha le idee molto chiare in merito.

Sicuramente il nostro parere è che sicuramente le criptomonete renderanno e parecchio.

Siamo davanti a cambiamenti epocali e le criptomonete sono degli strumenti nuovi che devono ancora esprimere tutto il loro altissimo potenziale.

La prima criptomoneta e anche la più conosciuta è il Bitcoin che fa la sua comparsa nel 2009 e che viene scambiata con un valore di 1.309,03 BTC contro 1$ pari a circa 0,0008$ per  1BTC.

Nel 2017 il Bitcoin ha toccato i 7000$ per 1BTC.

Se consideriamo che dei metodi di pagamento delle transazioni on line solo il 3% è caratterizzato da criptovalute (fonte ATLAS), possiamo capire quanto aumento avranno nel futuro.

Le criptomonete sono valute riconosciute in molti Paesi, riportiamo una comparazione tra le Valute tradizionali e i Bitcoin sul Dollaro per gli anni 2015 e 2016 con sorprendenti risultati.

Altro fattore da considerare è la capitalizzazione di tutte le criptovalute in circolazione che si avvicina intorno ai 100 miliardi di dollari. Se confrontato con la capitalizzazione di alcune società o di alcune macro categorie mondiali, possiamo capirne gli enormi margini di crescita e l’alta capacità di raccolta che attrae tanti investitori. (Grafico realizzato da Howmuch)

Potete analizzare i rendimenti migliori nei primi 8 mesi del 2017 e se volete informazioni dettagliate sul valore attuale delle criptovalute, la capitalizzazione, i grafici dei rendimenti e molto altro, vi consigliamo il sito COINMARKETCAP

Un piccolo consiglio, nel mondo delle criptovalute è molto facile trovare siti dove si pubblicizzano investimenti con anche piccole somme in ingresso, a fronte di altissimi rendimenti.

Non confondeteli con degli Exchange o dei siti di Trading on Line, fate molta attenzione o quantomeno state alla larga da chi promette troppo, solitamente sono siti truffa dove si raccoglie denaro ed al cui interno si sviluppano degli Schema Ponzi.

Se non sapete cos’è uno schema Ponzi (che prende il nome da Charles Ponzi che lo applicò su larga scala agli inizi del 1900), in parole povere è un metodo ingannevole dove si fa credere agli investitori di realizzare ingenti guadagni in brevissimo tempo a rischio praticamente nullo.

L’investitore che accetta vedrà realizzarsi il guadagno promesso fino a che questo castello di carte autoalimentato con i soldi degli investitori regge.

Perché il sistema è semplice, il truffatore in realtà non investe i capitali degli investitori ma li utilizza per pagare i rendimenti degli altri investitori, raccogliendo così ottimi consensi e allargando la sua sfera operativa tra altri investitori che entreranno a far parte di questo meccanismo.

Gli ingranaggi di questa macchina si inceppano ovviamente quando non si riescono a trovare nuovi investitori che garantiscono liquidità fresca o quando la truffa viene scoperta.

A questo punto spesso gli investitori perdono il loro denaro.

Non crediate che al giorno d’oggi nessuno possa cadere nella trappola di uno schema Ponzi, in quanto una delle più grandi frodi finanziarie di tutti i tempi fu scoperta nel 2008 che portò il presidente del NASDAQ, Bernard Madoff all’arresto avendo sottratto circa 65 miliardi di dollari alle proprie vittime, proprio attraverso l’applicazione di uno schema Ponzi.

Se volete essere più tranquilli prima di procedere in un investimento che vi sembra troppo appetibile, potete controllare il sito attraverso alcuni portali di scam detector.