Skip to content

Trading Bot

Un capitolo molto importante per chi volesse ottenere le performance migliori dai mercati è dato dai Trading Bot.

Ma cosa sono? Semplicemente dei software che in base ad algoritmi matematici preconfezionati possono comprare e vendere criptovalute in modo automatico.

Detto così, può sembrare tra l’assurdo e l’incredibile, ma questi software ben ingegnerizzati, analizzano continuamente l’andamento dei mercati e possono sostituire la compravendita manuale.

Sappiamo che il mercato delle criptovalute è attivo 24 ore su 24 per 365 giorni all’anno e non ha pause come succede per le Borse Azionarie, questo fa si che spesso, i momenti migliori per il trade siano di notte perchè gli scambi maggiori avvengono nel continente Americano e in Asia svantaggiando l’Europa a causa dei fusi orari.

Se non volete perdere notti stando svegli e ritrovarvi la mattina successiva ad essere degli zombie, lasciate che questi robot facciamo il lavoro sporco al posto vostro.

Si possono decidere le monete su cui investire, gli algoritmi da utilizzare, impostare le percentuali di profitto (Take Profit) e le eventuali limitazioni alle perdite (Stop-Loss).

Abbiamo testato diversi robot, sia gratuiti che a pagamento, quelli free hanno le note positive, oltre alla gratuità di essere anche open-source, di poter quindi metter mano agli algoritmi e la nota negativa che quasi sempre lavorano con un exchange e una moneta alla volta.

Quelli a pagamento solitamente lavorano con diversi Exchange e con diverse monete, hanno al loro interno features e algoritmi proprietari molto interessati, ben sviluppati e dettagliati. Una parte importante e ben rappresentata sono le sezioni dedicate ai grafici, alle statistiche con la possibilità di esportare l’elenco degli scambi effettuati in vari formati (.csv, .pdf, .xls etc.). L’assistenza tecnica risponde solitamente entro le 24 ore. Ovviamente tutto questo ha un costo, il fatto che sia più o meno dispendioso non sta a noi dirlo, prima di tutto perché non conosciamo le vostre possibilità, poi perché deve essere valutato il quanto potrebbe farci guadagnare non solo in termini percentuali di trade ma anche di tempo.

Noi abbiamo testato alcuni Robot, cerchiamo di fare una sorta di classifica tenendo conto di questi fattori: Facilità e tempi di installazione, semplicità d’uso, correttezza negli algoritmi di previsione e di trade, assistenza tecnica, reperibilità di documentazione e costi.

I bot gratuiti Gekko e Zenbot che abbiamo selezionato, sono software che devono essere installati ed entrambi girano su Win, Linux e Mac, hanno un solo Exchange e una sola moneta utilizzabile per sezione avviata, gli algoritmi sono personalizzabili e prima di eseguire veri trade si possono fare simulazioni scaricando lo storico della moneta in oggetto in un determinato periodo. Graficamente non sono eccelsi ma in un ambito gratuito sono sufficienti, gli algoritmi  non sono facili da modificare se non si hanno alle basi nozioni di matematica finanziaria. A nostro avviso devono essere perfezionati sia dal punto di vista degli algoritmi sia dalla possibilità di usare più monete in contemporanea.

Tra i bot a pagamento quello che più ci ha soddisfatto è la piattaforma online Cryptohopper che ci sentiamo di consigliare per vari motivi, ha un periodo di test gratuito di 30 giorni che non è niente male, il contratto base permette di fare trade su vari Exchange (Binance, Bittrex, Poloniex, Kraken, Gdax e a breve anche Kucoin) con 15 monete e con 80 posizioni aperte contemporaneamente con un aggiornamento degli algoritmi ogni 10 minuti, i costi partono da 19$ al mese fino ad arrivare ai 99$ al mese con 75 monete, 500 posizioni e aggiornamento algoritmi ogni 2 minuti. Essendo una piattaforma online non avete bisogno di un pc acceso 24 ore su 24.  Ci sono delle ottime guide video di Academy sul canale YouTube ufficiale che vi aiuteranno nella fasi di configurazione iniziale e nell’impostazione delle API.
Indispensabile e ben realizzata è la possibilità di effettuare backtesting per avere un’idea del settaggio parametri sulle performance precedenti partendo anche dalla sezione delle best performance precedenti e si possono creare configurazioni ad hoc per ogni singola moneta utilizzando diverse strategie e diverse percentuali di realizzo.
Hanno un forum molto attivo dove si possono inserire richieste di evolutive, si possono copiare gli algoritmi sviluppati sulle esperienze degli altri utenti e il servizio di assistenza tecnica è buono e veloce.

Se Cryptohopper non ha soddisfatto a pieno le vostre esigenze, potete provare Haasbot (forse il più conosciuto) con un costo però di 0,046 BTC al trimestre sul quale bisogona impegnare cifre “importanti” per ricavare ROI significativi a sostenerne i costi. Equivalente ad Haasbot ci sono CAT con un costo di 0,065 BTC una tantum più una spesa variabile tra i 0,010 e 0,015 BTC ad add-on per ogni Exchange sul quale vogliamo fare trade e Gunbot con una base di spesa di 0,056 BTC per il pacchetto Bronze ai 0,126 BTC per quello Gold

Da tenere d’occhio Gimmer che nascerà il 01 Febbraio 2018 da una ICO e che dalla Demo scaricabili dal sito,  ha tutte le carte in tavola per diventare un’ottimo prodotto.

Commenta per primo

Lascia un commento